Otite

Elena è tornata a casa dal viaggio in Malesia con la scuola e si è portata a casa, oltre i regali, anche un bel raffreddore accompagnato da una buona otite. Era nell’aria e si è avverato.

Ha avuto delle buone impressioni dei posti che ha visitato e l’unico posto che non le è piaciuto è stato il centro di ricerca della fauna e della flora: troppi insetti, troppo verde e troppa umidità. Si è divertita.

La flessibilità nella vita è molto importante e spesso richiede prontezza di riflessi e di attitudini. Quando ho ricevuto il messaggio dall’aeroporto del Kansai nel quale scriveva che aveva preso il raffreddore, subito ho fatto un giro di telefonate per cancellare le lezioni (“chi non lavora non fa l’amore” qualcuno ha detto, quello l’ho dimenticato da tanto tempo) e mi sono messo in stato di allerta. Adrenalina, macchina fotografica???? e schemi mentali appositi. Aveva la febbre però ha voluto fare subito il bagno mentre io sono stato in clinica a prenotare la visita e a fare le spese per il pranzo già metà preparato. Good job!!!! Adesso ha bisogno di tanto riposo e per tirarsi su ha letto tutto il suo “shounen jump”, la rivista di manga più famosa in Giappone e nel mondo!?!

Nel pomeriggio, per tirarmi su, ho visto il film “Quasi amici”. Divertentissimo. Se avete tempo e voglia e se non li avete guardatelo comunque.

About fabiosalvagno

Un italiano veneziano stabilitosi a Kyoto nel 1991. Dopo molte vicissitudini e la perdita di mia moglie, vivo con mia figlia Elena di sedici anni. Amo da morire fotografare e il mondo della fotografia.
This entry was posted in Esperienze personali and tagged , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *