Lavoro di fotografia, il cliente e …

Brevi pensieri su quello che mi è accaduto in questi giorni.

Quest’anno ho avuto solo due occasioni come lavoro di fotografo. Per entrambi ho fotografato due orchestre. Entrambi amatoriali ma una in un teatro e l’altra in un esecuzione all’aperto. La prima mi hanno pagato cinque mila yen, come da sempre. L’altra mi avevano chiesto il lavoro ma non avevo previsto di prendere soldi perché la persona che mi ha chiesto di fare le foto è un amico e per me era un’occasione per incontrare altre persone. Alla fine mi ha dato ventimila yen e non ho ritoccato le foto al photoshop perché mi era stato chiesto di darle non ritoccate.

Questa volta invece si tratta di un lavoro per una pagina web. La persona che mi ha chiesto le foto mi aveva mandato il concetto con cui si farà la pagina e le foto che farò saranno la base portante del sito. Però, e questa è stata una mia mancanza di professionalità, non le avevo detto il prezzo alla prima riunione. Solo dopo due volte che ho fatto le foto mi ha chiesto quanto venisse il tutto e da li il cliente si è sentito preoccupato perché non sapeva quanto sarebbe venuto a costare alla fine. Così mi ha telefonato e mi ha spiegato che gli altri fotografi, prima della sessione fotografica, le avevano sempre detto quanto sarebbe venuto a costare, nei minimi dettagli.

L’inesperienza nella preparazione dell’accordo da parte mia ha creato panico e confusione nel cliente. Adesso si tratta di fare la terza e ultima sessione fotografica. Il prezzo è stato concordato e ho spiegato che voglio finire di fare questo lavoro e di non preoccuparsi per il prezzo perché non prenderò più di quello accordato.

Questa fluttuazione nell’umore del cliente l’ho potuta sentire e capire e mi ha fatto ricordare i primi tempi, quando insegnavo la lingua italiana e non sapevo da dove cominciare. Non c’erano libri di testo e i clienti erano a volte scontenti della lezione.

È la strada che voglio percorrere. La cosa più importante è il cliente come persona e il lavoro come affare accordato per una prestazione che posso portare a termine senza creare panico nel cliente stesso.

Vediamo come si sviluppano i fatti comunque sto facendo, stiamo facendo molta esperienza.

Buon Natale???

About fabiosalvagno

Un italiano veneziano stabilitosi a Kyoto nel 1991. Dopo molte vicissitudini e la perdita di mia moglie, vivo con mia figlia Elena di sedici anni. Amo da morire fotografare e il mondo della fotografia.
This entry was posted in Esperienze personali, fotografie and tagged , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *