Ho perso il bottone

della macchina fotografica che uso da circa sei anni.

Era la macchina fotografica di mia figlia ma dopo il viaggio in Inghilterra faceva parte del contenuto della mia borsa ed era un’estensione della mia mano. Sì la mano, non l’occhio. Così adesso cerco di usare i tablet e capire meglio quello che vedo.

Ultimamente uso molto la Cheki per fotografare le persone che mi stanno intorno. Quasi tutti sono contenti di farsi fotografare e di ricevere la foto che viene fuori dalla macchina come una lingua lunga. Un po’ alla volta l’immagine appare e tutti, appena la prendono in mano, la sventolano per farla asciugare il più presto possibile. Le foto fatte con Cheki non hanno bisogno di essere asciugate e tantomeno di togliere il foglio di plastica trasparente come si usava per la Polaroid. Eppure tutti lo fanno automaticamente. Oggi una persona guardava il retro nero della foto sperando che l’immagine si affacciasse …

A Yodobashicamera ho trovato anche delle mini cornici a duecentocinquanta yen l’una. Vorrei usarle per vedere come reagiscono le persone. Sembra anche divertente.

About fabiosalvagno

Un italiano veneziano stabilitosi a Kyoto nel 1991. Dopo molte vicissitudini e la perdita di mia moglie, vivo con mia figlia Elena di sedici anni. Amo da morire fotografare e il mondo della fotografia.
This entry was posted in Esperienze personali, fotografie and tagged , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *