Il giorno del mare

Giornata “strana”. Sono due giorni che sembra andare tutto storto e forse il tutto è dovuto alla stanchezza.

Ieri sono stato a Osaka per parlare con il professore di mia figlia ma non era venuto alla festa per genitori e insegnanti. Peccato, ho mangiato un gelato e ho bevuto un uroncha e sono tornato a casa.

Questa mattina sono stato a casa di mia suocera per vedere come sta e per accertarmi delle conseguenze della caduta di ieri davanti a un ristorante. Non era riuscita ad alzare la gamba per salire il gradino per entrare nel negozio. “Non ho più le forze di una volta”. A novantatre anni posso capire.

Ieri ho capito finalmente che posso leggere i libri elettronici in giapponese sul mio Kindle per pc. Devo cambiare l’accesso ma almeno posso finalmente leggere qualcosa anche quando sono fuori. Libri in giapponese ce ne sono ma preferisco non appesantire la borsa.

Ormai sono alcuni anni che non mi sento più di fare foto. Mi manca sia la voglia che la passione che avevo una volta. È possibile che tutto sia evaporato? Voglia di fotografare le persone ce n’è tanta ma sono fermo. Un po’ è anche per la mia testardaggine a dedicare il poco tempo che ho al nuoto per avere un corpo un po’ più robusto. Intanto cerco una nuova macchina fotografica e dei libri di filosofia.

About fabiosalvagno

Un italiano veneziano stabilitosi a Kyoto nel 1991. Dopo molte vicissitudini e la perdita di mia moglie, vivo con mia figlia Elena di sedici anni. Amo da morire fotografare e il mondo della fotografia.
This entry was posted in Esperienze personali and tagged , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *