Ancora a nuoto

Finalmente sono riuscito a nuotare per tre volte in una settimana. E devo dire che sono leggermente migliorato.

Sto pensando ad allungare il corpo, a cercare di mettere la testa di lato e non in avanti quando devo respirare. Di non essere troppo teso e inoltre anche di muovere le gambe in modo da che queste non affondino e portino con se tutto il corpo. Inoltre dopo trenta minuti di piscina non mi sentivo così stanco come nelle volte passate. Miglioramenti.

Ho ancora il ginocchio sinistro che fa male e la prossima settimana voglio andare dal dottore per una diagnosi. Spero non sia nulla di grave.

Questa mattina ho accompagnato ancora Elena all’ospedale perché ieri sera aveva ancora la febbre alta. Questa mattina la febbre era calata ma aveva ancora il naso chiuso e le orecchie che le facevano male. La dottoressa ha detto che ha avuto l’otite all’orecchio destro ma sta pian piano guarendo. Ha ricevuto le medicine e anche oggi se ne starà a casa. Domani non andrà alla lezione di violino perché domenica vuole andare al seminario di una dittà di informatica di Kyoto. Spera di poter trovare lavoro lì.

Intanto ieri, sotto la pioggia dirompente, mi hanno portato la stampante. Scatolone ernome che mia figlia ha lasciato nell’entrata. Oggi ho fatto un po’ di pulizie e domenica la preparerò per la stampa. Formato A3 lungo così sono a posto con le stampe per la mostra di questo mese.

Oggi ho comprato un altro libro in formato digitale “The chrisantemum and the sword” un libro di Ruth Benedict. L’aveva segnalato Umberto Eco nel suo “A passo di Gambero” e visto che parla del Giappone l’ho comprato subito. Dopo che avrò finito di leggere “La pancia degli italiani” di Severgnini, comincerò a leggerlo.

About fabiosalvagno

Un italiano veneziano stabilitosi a Kyoto nel 1991. Dopo molte vicissitudini e la perdita di mia moglie, vivo con mia figlia Elena di sedici anni. Amo da morire fotografare e il mondo della fotografia.
This entry was posted in Esperienze personali and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *