Al ramen ya

Oggi ho fatto la prima nuotata in piscina di quest’anno e ho potuto constatare di prima mano, ovvio, che mi sono appesantito, purtroppo. Non so quanto peso ma i movimenti si sono fatti più lenti e il fiatone è arrivato prima del solito. Sono contento però di aver potuto nuotare per duecentosettantacinque metri e di essere tornato a casa tutto d’un pezzo nonostante l’oretta in piscina e la strada fatta in bicicletta con alcune parti dei marciapiedi ancora ghiacciate.

Come al solito anche oggi Elena si è svegliata tardi così abbiamo deciso di mangiare più tardi del solito e di provare il ramen ya che si trova vicino a casa. Elena era molto curiosa ma sa che per me il ramen è troppo pesante così non aveva mai spinto più di tanto. Questa volta sono stato io ad accennare il fatto così è venuto di buon animo. Purtroppo il gusto non ra di nostro gradimento: la zuppa era troppo dolce e troppo biancastra “che ci abbiano messo un po’ di mayonese?” è stato il commento chiaro di mia figlia.

Un po’ stanchino, siamo andati fino a Kitano Tenmangu per salutare il dio dello studio e per comprare una ringo-ame, una mela caramellata. Erano alcuni giorni che la voleva mangiare e visto che al santuario in questo periodo dell’anno ci sono sempre le bancherelle abbiamo prima pregato offendo l’obolo e poi siamo passati per la via tutta “imbarcarellata”. Abbiamo trovato ben tre negozi di ringo-ame e all’ultimo ne abbiamo comprato una e siamo tornati a casa cercando di non scivolare sul marciapiedi ancora ghiacciato.

Da domani pian piano si ricomincia a lavorare. L’energia fisica è ancora a livelli minimi ma qualche progetto per quest’anno ce l’ho. Vediamo come si svilupperanno le cose. Otanoshimi ni.

About fabiosalvagno

Un italiano veneziano stabilitosi a Kyoto nel 1991. Dopo molte vicissitudini e la perdita di mia moglie, vivo con mia figlia Elena di sedici anni. Amo da morire fotografare e il mondo della fotografia.
This entry was posted in Esperienze personali and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *