Un’appassionata dell’Italia

Oggi ho fatto l’ultima pratica di nuoto dell’anno. Ho cominciato che avevo paura dell’acqua e adesso mi sono abituato ma non troppo. Non riesco ancora a nuotare a stile libero ma posso farlo solo appoggiandomi alla tavoletta e non ancora per venticinque metri. Piano piano sto imparando a galleggiare e il corpo si sta facendo più forte, l’ho constatato oggi perché ho fatto una lezione di due ore, poi trenta minuti di pratica in piscina, poi dopo aver mangiato un niku udon sono stato a Fushimi Inari per incontrare un’amica. Tornando a casa sono passato per il solito cafè de Corazon e ho parlato con una simpaticissima signora e il suo marito. Lei e suo figlio sono stati in Italia quest’ano e Venezia le piace moltissimo. Kawaguchi san, il proprietario le ha mostrato una foto che gli ho regalato (si tratta di una prova di stampa) ancora alcuni mesi fa. Sono tornato a casa e ho preparato la cena per Elena che sarebbe tornata a casa stanchissima dal parti-time di oggi. Sono stanco ma non troppo.

Questa settimana ho chiesto a un’amica studentessa se il prossimo anno in ottobre possiamo fare una mostra insieme: lei con le sue opere di calligrafia e io con le mie foto. Il marito ci aiuterà e forse la faremo in un tempio. Ho proposto l’idea e lei ha accettato. L’ho fatto anche per vedere quali sarebbero state le mie reazioni alla proposta e sono state abbastanza positive. Intanto le idee aumentano e vorrei fare qualcosa di … per il momento non mi viene in mente nulla di preciso.

È proprio una bela sensazione quella di star bene e di poter condurre una vita di tutti i giorni alla meno peggio.

About fabiosalvagno

Un italiano veneziano stabilitosi a Kyoto nel 1991. Dopo molte vicissitudini e la perdita di mia moglie, vivo con mia figlia Elena di sedici anni. Amo da morire fotografare e il mondo della fotografia.
This entry was posted in Esperienze personali and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *