In piscina

Oggi non era il giorno della piscina ma visto che domani vado al funerale e poi a mangiare la pizza con una studentessa ho deciso di andarci. Non è stato facile decidere e fino alla fine era indeciso se andarci o meno. Sapevo che mi sarei stancato e che con quella stanchezza poi sarei dovuto andare a Nagahama ma in questo periodo mi sento fisicamente bene e questo è stato il motivo decisivo e ho atto bene.

Come al solito la lezione della mattina dura più di un’ora e l’istruttrice è sempre disponibile e preoccupata. Quando le ho detto che respirando solo da una parte sento il corpo troppo teso solo da quela parte mi ha insegnato un modo di nuotare per sciogliere la tensione dei muscoli. Il problema era che era già mezzogiorno e tutti avevano fatto un’ora e mezza di nuoto e non volevano continuare. Dopo la fine della lezione sono andato alla piscina accanto e ho cominciato a fare un po’ di pratica ma sono stato fermato da un signore che non conoscevo e mi ha detto: “Vedo che sei migliorato di molto” e da li mi ha spiegato come andare avanti nuotando solo con i piedi e come poter nuotare a farfalla in modo più facile. I suoi consigli mi sono stati utilissimi peccato che non avevo tempo e anche ormai più tanta forza. Spero di poterlo incontrare ancora.

Ho cominciato a leggere un altro libro “SWITCH: how to change things when change is hard”. Gli esempi che riporta sono interessanti e mi fanno pensare a come migliorare la situazionne in cui mi trovo. Quando l’avrò finito cercherò di parlarne con Elena e di scrivere qualcosa in questo blog.

Oggi è stata una giornata lunghissima ma domani lo sarà di più. Il funerale si svolgerà a Osaka e la pizzata si svolgerà a Kyoto. Non è la prima volta che vado a un funerale e so già come comportarmi ma è sempre un’occasione in cui ci si sente un po’ tesi.

Buonanotte.

About fabiosalvagno

Un italiano veneziano stabilitosi a Kyoto nel 1991. Dopo molte vicissitudini e la perdita di mia moglie, vivo con mia figlia Elena di sedici anni. Amo da morire fotografare e il mondo della fotografia.
This entry was posted in Esperienze personali and tagged , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *