Leggermente sfocate

Oggi ho stampato la foto di gruppo che ho fatto al conceeto di Kato masue e mi sono accorto che i visi sono leggermente sfocati. È un problema che ho trovato anche nelle foto che ho fatto alla liuteria, foto in bianco e nero dei liutai mentre sono al lavoro. È un problema mio che non ci vedo più bene? È un problema dell’obbiettivoe che uso da ormai cinque anni e che una volta mi è caduta? È un problema della selezione della velocità dell’otturatore? Insomma è certamente un problema.

Ho controllato in giro per il web e ho visto che le foto fatte ai concerti e alle recite restano sempre un po’ sfocate a causa dei movimenti e della poca luce ma in passato ho visto delle stampe bellissime non sfocate e perfette sia per il colore che per i movimenti prefetti ripresi. Come posso fare? Posso rendere il tutto più nitido con l’uso di un software per la grafica? Ho bisogno di obbiettivi più cari? Sono un po’ sconcertato e anche arrabbiato però so che se riesco a risolvere questo problema allora le mie foto potranno cambiare.

Nel pomeriggio sono stato in piscina per la solta lezione. Questa volta ero stanco sin dall’inizio perché a pranzo avevo mangiato una banana e un budino, forse troppi zuccheri tutti in un momento. Infatti avevo un leggero bruciore di stomaco. Sono riuscito però a finire l’ora di nuoto al mio ritmo cercando di fare più pratica possibile con lo stile farfalla. Ci vuole ancora molta pratica ma un po’ alla volta capisco come mettere il corpo. Lo stile libero è andato così così perché mi sforzo di respirare solo dalla parte sinistra e quella destra la scio perdere. Ho fatto attenzione a come giro il corpo tra una bracciata e l’altra e mi sono trovato abbastanza scoordinato. La spalla non i fa più così tanto male e la sensazione di aumento della muscolatura del petto, delle spalle e della schiena è abbastanza netta. Mi sono anche abituato a vedermi allo specchio con il costume da bagno e anche a camminare in costume da bagno senza vergognarmi per la pancia che per il momento non sta aumentando di volume.

Intanto le lezioni all’università di Elena sono cominciate e oggi, primo giorno, è tornata a casa alle nove. Aveva molta fame e abbiamo mangiato un po’ di pasta al ragù. Alla sera può essere un po’ pesante ma in questi ultimi tempi ci siamo abutuati.

Mentre aspettavo a casa mia figlia sono riuscito a finire di stampare le cartoline della mostra, a stampare la foto di gruppo sfocata e a fare un’ordinazione su Amazon per le cartucce della stampante e per due set di carta da stampa in vista della stampa dei libretti per i corsi di italiano all’università. Sono piccole cose che quando si accumulano posso dare fastidio.

Anche domani sarà una giornata lunghina ma almeno adesso che sto fisicamente meglio posso pure divertirmi.

About fabiosalvagno

Un italiano veneziano stabilitosi a Kyoto nel 1991. Dopo molte vicissitudini e la perdita di mia moglie, vivo con mia figlia Elena di sedici anni. Amo da morire fotografare e il mondo della fotografia.
This entry was posted in Esperienze personali and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *