Giornata libera

Domani avrò tutta la giornata libera e alla mattina andrò in piscina per fare un po’ di pratica. Da questo mese ci andrò due volte alla settimana. Speriamo di capire come si fa a respirare e poi …

Dopo che avrò imparato a nuotare bene voglio provare a remare per poter poi partecipare alla Vogalonga e Venezia. Non so perché mi è venuta questa voglia ma sono intenzionato a farlo. Chissà fra quanti anni …

Oggi è stata una giornata un po’ flaccia. Sono stato a Nagahama per la solita lezione e sono tornato a casa verso le undici di sera. Prima di partire sono stato a vedere delle cornici per le foto e ho anche comprato della carta speciale. Ci sono tante cornici e alcune potrebbero andare bene ma ne voglio cercare delle altre, magari “strane” che non si sono mai viste in giro.

Le foto che voglio stampare son tutte state fatte a Venezia circa quattro anni fa, riflessi presi su molti canali a Venezia e a Murano. I colori e le forme sono speciali e hanno un carattere loro tutto particolare. Con la nuova carta a specchio che ho trovato riusciranno meglio e l’impressione che daranno sarà più forte e continua. È strano o anche incredibile quanto volte si possa stampare una foto con diversi tipi di carta, in diverse grandezze e con diverse cornici. A ogni passaggio di stampa le foto prima aumentano di energia poi scemano fino a perdere le proprietà intrinseche che hanno. E come se il loro “significato” si perdesse per poi riacquistare forma e energia.

In teoria basterebbe anche una foto. stamparla, mostrarla, ristamparla in vari formati e magari spezzettarla come ho fatto con quella del canale di San Giobbe. Quella l’ho regalata a tutti, l’ho storpiata e pugnalata, sgualcita sotto l’acqua e asciugata al sole e nonostante tutto è ancora li, inamovibile. Che sia il ricordo inamovibile? Oppure la ripetizione della stampa, il fatto che l’ho mostrata e regalata a tantissime persone che l’abbia resa più forte e con un carattere proprio?

Intanto continuo a stampare e con una lentezza da tartaruga e fotografare con la compatta.

About fabiosalvagno

Un italiano veneziano stabilitosi a Kyoto nel 1991. Dopo molte vicissitudini e la perdita di mia moglie, vivo con mia figlia Elena di sedici anni. Amo da morire fotografare e il mondo della fotografia.
This entry was posted in Esperienze personali and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *