Riunione di un circolo fotografico

Erano sei mesi che non ci andavo e quando sono arrivato ho trovato alcuni cambiamenti.

Il primo è stato che ognuno doveva presentare due foto per poi essere valutate dagli altri. Appena arrivato uno degli organizzatori mi ha detto di mettere due foto su un tavolo separato in modo che gli altri potessero poi giudicare con dei bigliettini. Il problema era che c’erano solo quattro piccole foto. Io ho messo le mie ma il tutto mi è sembrato un po’ troppo triste nel vedere dieci partecipanti e solo quattro foto.

Questo circolo ha una piccola newsletter che viene spedita a ogni membro ogni mese. La persona addetta all’impaginazione ha deciso di uscire dal circolo e si doveva trovare una persona. Il più anziano che non sa neppure usare bene il pc si è dichiarato disponibile a continuare lui il tutto solo se nessun giovane si fosse fatto avanti. Nessuno si è fatto avanti così gli è toccata la patata bollente, con la moglie leggermente contrariata. Avrei potuto continuarlo io ma volevo vedere come si comportavano i membri più anziani e volonterosio del gruppo. mi sa che presto ci saranno dei cambiamenti.

Questa riunione mesile si svolge nel bar dell’organizzatore che alla fine di ogni riunione preparava da bere per tutti. Questa volta tutti si aspettavano che facesso lo stesso ma ha fatto ben capire che non lo avrebbe fatto più dicendo che “fuori ci sono i distributori automatici”. Sono d’accordo perché fin’ora nessuno aveva pagato, me compreso.

Pensando alle riunioni, domani comincerà la mostra del circolo Kyoto Tampei, il più grande e vecchio di Kyoto. Anche qui erano anni che non ci andavo e uno dei membri mi ha chiesto di portare anche alcuni membri del circolo di osaka per cominciare una collaborazione o almeno uno scambio di idee. Vedremo un po’ come si svilupperà la situazione.

About fabiosalvagno

Un italiano veneziano stabilitosi a Kyoto nel 1991. Dopo molte vicissitudini e la perdita di mia moglie, vivo con mia figlia Elena di sedici anni. Amo da morire fotografare e il mondo della fotografia.
This entry was posted in Esperienze personali, fotografie and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *