Fotografia o oggetto d’arte?

“Forse è interessante”,”fa parte del mondo dell’arte”,”i colori sono quasi violenti”,”non riesco a sentire nulla,quasi nulla”.

Questi sono stati alcuni commenti ricevuti oggi alla riunione del circolo di Osaka. Si tratta veramente di una fotogarfia? Volevo uccidere i ciliegi. Adesso riesco un po’ a capire una delle strade che mi sto costruendo. Non si tratta di “fotografia” intesa come immagine che poi si espande mentalmente e va a toccare il lato linguistico, ma di un oggetto che crede di avere come base una foto e su quello ci cresce.

Bah, pensieri che si snodano in riverberi di parole che provendono dal lontano passato.

Nela riunione di oggi sono state presentate ventuno set di foto e ognuna con un proprio carattere. Dare un punteggio e poi commentarle è sempre difficile e questa volta, come al solito, non ci sono riuscito. È difficile dare il titolo a una foto o a una serie di foto. Sia il titolo che le immagini si dovrebbero combinare, una sinergia per creare uno stimolo ad effetto valanga nella mente dell’osservatore.

La forza fisica pian piano sta tornando e un po’ alla volta sento anche la voglia di tornare a fotografare in giro per la città ma voglio aspettare ancora un po’.

About fabiosalvagno

Un italiano veneziano stabilitosi a Kyoto nel 1991. Dopo molte vicissitudini e la perdita di mia moglie, vivo con mia figlia Elena di sedici anni. Amo da morire fotografare e il mondo della fotografia.
This entry was posted in Esperienze personali, fotografie and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *