Indro Montanelli

Ho appena finito di leggere il libro “Indro Montanelli, Soltanto un giornalista” di Tiziana Abate.

Da giornalista a imprenditore ma per lui i suoi lettori sono stati sempre al centro della sua coscienza.

Avvincente sia la “prima parte”, quella che io reputo la prima patrte e che tratta delle sue avventure per il mondo, che la “seconda parte” con la fondazione dei due giornali e le sue opinioni-passioni per la politica italiana e per gli italiani.

http://www.amazon.com/Soltanto-un-giornalista-Saggi-Italian-ebook/dp/B00ET0A35E/ref=sr_1_19?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1394889095&sr=1-19&keywords=indro+montanelli

Un libro che mi ha fatto conoscere un po’ meglio l’Italia e l’Europa degli anni della seconda guerra mondiale e il vero lavoro di un giornalista inteso come stare sulle strade, incontrare le persone e riferire con i proprio occhi ciò che sta accadendo. Sono stato preso dalla sua prosa e dal suo modo di raccontare sebbene attraverso il filtro di Tiziana Abate che ha fatto tutto per mostrare il Montanelli-giornalista (come ha voluto lui stesso) ma i “tagli”, i “buchi” si fanno sentire e sembrano quasi delle voragini che pian piano voglio colmare.

Una specie di biografia che mi ha fatto sentire un Montanelli molto giovane anche ad ottant’anni, un appassionato tifoso dell’Italia e degli italiani. Le sue vicissitudini passate in Africa e nell’Europa dell’est, nei paesi Baltici. Tutto in alcuni capitoli, poche righe, ma tra una righa e l’altra i mesi e gli anni passano senza farsi sentire. Sono proprio quelli che “nascondono” il lavoro del giornalista. La scena con l’incontro con Hitler è stata terribile e Spadolini che si fa versare l’acqua per ben due volte da Andreotti è stata esilarante.

Continuerò a leggere i suoi libri. Un grande della storia italiana. Forza ragazzi che si va avanti!!!

Letto in formato Kindle.

About fabiosalvagno

Un italiano veneziano stabilitosi a Kyoto nel 1991. Dopo molte vicissitudini e la perdita di mia moglie, vivo con mia figlia Elena di sedici anni. Amo da morire fotografare e il mondo della fotografia.
This entry was posted in Uncategorized and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *