Piccole esuberanze

Ho dimenticato il portafogli a casa cosi sono dovuto tornare indietro e farmi quaranta minuti in bici. Sono cose che possono succedere quando si è sovrappensiero e oggi lo ero forse un po’ troppo. Sono andato in giro per i negozi a vedere il kimono e a chiedere quanto costerebbe fare le foto in uno studio fotografico.

Pensavo a come avrei potuto farle io stesso, in quale parte di Kyoto, che tipo di pose e che tipo d luce. Alla mattina presto o di notte. Ero cosi felice, assorto nel mi mondo che avevo dimenticato di controllare la borsa e la giacca. In questi giorni fa abbastanza caldo e sento già l’odore della primavera cosi spesso cambio giacca.

Inoltre aveva un’altra preoccupazione-gioia: oggi Elena è andata a fare l’esame per poter entrare a lavorare part-time come insegnante in una juku. Prima di uscire di casa era tesissima e non Abeba mangiato il pranzo. In quelle condizioni e fare un esame di due ore non è proprio il massimo e per questo sono un po’ preoccupato. È giovane e ha molte più energie di me, lo so ma preoccupazione resta.

About fabiosalvagno

Un italiano veneziano stabilitosi a Kyoto nel 1991. Dopo molte vicissitudini e la perdita di mia moglie, vivo con mia figlia Elena di sedici anni. Amo da morire fotografare e il mondo della fotografia.
This entry was posted in Uncategorized and tagged , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *