La vita di un pittore

Settantasette anni e sembra ancora giovane. Trentatre operazioni contro il cancro e pensa di fare una sua mostra a Tokyo. Si chiama Jien e ci siamo incontrati ancora qualche anno fa e oggi mi ha invitato a questa sua mostra dove hanno participato anche i suoi studenti. Ha parlato per circa quaranta minuti della propria vita spiegandone alcuni punti salienti. È stato tutto molto semplice e alla fine gli spettatori hanno applaudito. “Nella mia vota ho preso molte decisioni e ne ho preso la responsabilità di molte”. Il mondo va avanti e ogni minuti, ogni giorno prendiamo delle decisioni che ci portano a dei risultati che non ci aspettavamo.

Ieri sono stato finalmente alla riunione di uno dei due circoli fotografici di Kyoto. Si chiama Koga Dojo e il direttore-maestro di questo circolo far crescere dei fotografi che possano vivere solo vendendo le proprie fotografie. Per questo si premunisce di aiutare i membri facendoli partecipare a tutti i concorsi fotografici possibili, di portarli in giro per il Kansai una volta al mese e fargli fare delle esperienze nuove. Tutti i membri con cui ho parlato si muovono sotto la sua “ombra” come dei “pulcini”. Mmm, forse la metafora è un po’ troppo calcata ma è un po’ la mia impressione generale. È vero che ieri sono stato felice quando una mia foto è arrivata prima tra le altre e per questo ringrazio tutti i membri del circolo. Nonostante questi miei pensieri confusi questo circolo mi piace molto. Sento il calore la fiducia che tutti i membri condividono, l’orgoglio di poter partecipare a queste riunioni e a mostrare le proprie foto cercando di dare il meglio di se stessi. Chissà come si svilupperà questo circolo e quanti saranno i membri che prenderanno il volo e faranno carriera o almeno smuoveranno un po’ le acque di questo mondo. Ma non esageriamo troppo.

About fabiosalvagno

Un italiano veneziano stabilitosi a Kyoto nel 1991. Dopo molte vicissitudini e la perdita di mia moglie, vivo con mia figlia Elena di sedici anni. Amo da morire fotografare e il mondo della fotografia.
This entry was posted in Esperienze personali and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *