Afa

Sono più di due giorni che continua imperterrita. Oggi a Kyoto ci sono stati trentacinque gradi e intorno a Gosho, il grande parco dove si trova il palazzo imperiale, c’era una nebbia abbastanza fitta, l’umidiccio era quasi palpabile. L’estate è ritornata.

Spero sia solo un ritorno momentaneo anche perché il prossimo tifone, il diciottesimo di quest’anno, si abbatterà nella zona del Kansai proprio domenica e lunedì. Non si prevedono grandi piogge come nelle settimane passate ma l’afa e la pioggia sarà continua.

Tra tutto questo sono un po’ preoccupato perché non faccio più fotografie. O meglio, ne faccio ma senza impegnarmi molto. Sabato prossimo devo presentare le foto per il libro del gruppo e anche per la mostra fotografica del prossimo gennaio. C’è la modella, una dolcissima ragazza con un caratterino niente male, che mi sta spingendo con consigli e messaggi per le prossime sessioni fotografiche.

Alcuni giorni fa, parlando con una giovane amica italiana residente da pochi anni in Giappone, è venuto fuori l’argomento della lingua natia e di come ci si stanchi a “insegnare” una lingua. “Ogni volta fai attenzione a come parli e devi per forza di cose usare un lessico molto povero e una velocità bassa altrimenti non ti riescono a capire. Solo con il mio ragazzo posso sfogarmi e parlare in modo naturale, è come prendere una boccata d’aria.” Lo scorso mese è tornata in Italia per tre settimane e sembrano averle fatto bene. Ha staccato la spina e si è immersa nell’atmosfera familiare. È vero, a volte ci vuole.

I giorni passano e fra poco cominceranno le lezioni all’università. Elena è contenta di tornarci così avrà una spinta ad andare avanti, io invece, da quanto mi dicono le persone intorno a me, ho bisogno di darmi una frenata e di riposare almeno una volta alla settimana. Hanno ragione.

About fabiosalvagno

Un italiano veneziano stabilitosi a Kyoto nel 1991. Dopo molte vicissitudini e la perdita di mia moglie, vivo con mia figlia Elena di sedici anni. Amo da morire fotografare e il mondo della fotografia.
This entry was posted in Esperienze personali and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *