La crisi

L’attività delle macchie solari non si è ripresa da circa un anno e si dice che questo potrebbe essere l’inizio di una nuova era glaciale.

Lo scorso inverno la laguna di Venezia è ghiacciata. “Pensa che nel 1930 tuti i tubi del gas e de acqua i se sciopai perché faseva fredo. Me ricordo che se ndava a patinar in laguna. Altro che pasamontagna e clase de ana!!” sono state le parole di mio nonno che forse aveva sentito dal bisononno. A volte mi parlava anche della guerra, la seconda, e allora mia nonna con gli occhi sgranati dalla paura mi diceva: “Ghe gera el coprifuoco, bambin mio. No se podeva impisar ia iuce e nianca usir de casa. Me ricordo che ogni sera ghe gera un aereo che voiava sopra Venezia. El gera puntal e tuti gavevimo paura.”

Dall’altro lato anche mia suocera a volte mi racconta delle sue esperienze di guerra: “Allora non c’era nulla da mangiare e non si poteva avere in casa il riso. Questo era razionato e spesso si doveva bere della zuppa di erba di patate. A volte andavo in campagna e per portare a casa gli onighiri li nascondevo sotto il cappotto. La polizia veniva spesso a controllare nel vagone ma di solito non controllava i bambini. Allora si aveva molta fame e si mangiava di tutto”.

Questa mattina sono andato a trovare mia suocera che sta adesso molto meglio ma la paura presa dalla caduta sembra aver lasciato un segno molto profondo. Cerca di tirarsi su e di muoversi il più possibile, di non essere un peso per la famiglia e anzi si preoccupa per Elena chiedendo come va la scuola e se “ha i calzini bucati o meno”.

Domani parteciperò a un corso di aggiornamento per insegnanti di italiano a Osaka e mercoledì a uno di photoshop-macchine fotografiche-tecnica di filmati indetta dalla Adobe. Mi sa che domani si parlerà anche dell’andamento dell’Europa oltre che quello della lingua italiana.

About fabiosalvagno

Un italiano veneziano stabilitosi a Kyoto nel 1991. Dopo molte vicissitudini e la perdita di mia moglie, vivo con mia figlia Elena di sedici anni. Amo da morire fotografare e il mondo della fotografia.
This entry was posted in Esperienze personali and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *