Alle quattro del mattino

Pensavo fosse il fuso orario invece erano dei problemi che Elena ha a scuola con gli insegnanti. Così dopo esserci alzati alle quattro del mattino e assonnati per aver dormito sei ore in due giorni, siamo andati a mangiare un po’ di udon vicino a casa e li ci siamo raccontati delle ultime notizie sulla nostra vita privata. A volte aprirsi e parlare francamente è indispensabile. Ci siamo capiti un po’ meglio. La parte più comica è quando le ho detto che quasi quasi volevo anch’io andare a vivere a York e magari lavorarci. A quelle parole mi ha guardato con due occhi increduli e scuotendo leggermente la testa: “Tu? Secondo me stai benissimo in Giappone. Adesso che ti stai facendo la tua rete di conoscenze tra fotografi, che cosa vai a fare in Inghilterra?” Un po’ ha ragione. E ancora: “Lo sai che il grigiore del panorama di Kyoto è quasi insopportabile dopo venti giorni di verde e di natura di York?”. Sono osservazioni ma anche cambiamenti interni molto forti avvenuti proprio durante il viaggio, molto più di quanto mi aspettavo.

About fabiosalvagno

Un italiano veneziano stabilitosi a Kyoto nel 1991. Dopo molte vicissitudini e la perdita di mia moglie, vivo con mia figlia Elena di sedici anni. Amo da morire fotografare e il mondo della fotografia.
This entry was posted in Esperienze personali, Impressioni and tagged , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to Alle quattro del mattino

  1. M. says:

    Bentornata ad Elena anche dall’Italia…
    L’Inghilterra ha il suo fascino, indubbiamente, piace molto anche a me … ma piove, piove e fa grigio anche lì.
    Il grigiore del tempo è un pò ovunque, è naturale, ciò che non deve essere grigio è la visione della nostra vita ma in alcuni momenti, è naturale anche quella.
    Penso che i paragoni sono inevitabili su tante cose ed ognuno potrebbe avvalorare con fervore le proprie ragioni … questo, personalmente, cerco sempre di stare attenta ad evitare.
    Ogni posto così come ogni persona è diverso …
    il bello è condividere, così che ognuno sappia dell’altro, convincere spesso non serve ma sapere sì, il resto dovrebbe andar da sè.
    Un saluto da qui …

    Mg

    • fabiosalvagno says:

      Cara M.

      Ho tradotto il tuo commento a Elena ed e` d’accordo con te.
      Questo viaggio l’ha molto colpita e soprattutto l’ha aiutata
      a maturare. Ha deciso di non andare ancora in Inghilterra
      in marzo perche` vuole concentrarsi sul suo studio
      in vista degli esami di ammissione all’universita`
      del prossimo anno. Ha la testa sulle spalle.

      Grazie del commento.

      Mata ne

      Fabio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *